Post Type

Nell’odierna partita amichevole fra Veterani HCAP e leggende sovietiche a Bellinzona, e nell’insieme del programma di questi due giorni a cavallo fra Andermatt e Lugano – su invito dei Gruppi parlamentari Svizzera-Russia, Svizzera-Ucraina e del Gruppo Sport dell’Assemblea federale – vengono sottolineati tre valori fondamentali:

          il ruolo che i Palamenti, direttamente eletti dai cittadini e non legati agli interessi di potere governativo, devono sempre giocare nel mantenere il dialogo fra i popoli, anche in situazioni di tensione e di crisi;

          il ruolo che lo sport svolge nel costruire ponti fra i paesi, tanto quanto lo fa la diplomazia (e quest’anno corre il Bicentenario delle relazioni diplomatiche Svizzera-Russia, che furono decisive affinché la Russia al Congresso di Vienna difendesse il ruolo di paese neutrale, indipendente e federale della Svizzera, altrimenti schiacciata fra Francia ed Austria);

          la responsabilità di tutti, di fronte all’acuirsi della crisi in Ucraina, a respingere ogni deriva violenta e ogni ricorso alla forza, e a sostenere invece l’applicazione rigorosa dei recenti accordi di Ginevra.

Di questi accordi la Svizzera – in quanto presidente di turno dell’OSCE – è impegnata a monitorare l’applicazione, in rigorosa neutralità fra le parti. In questo spirito, con i veterani HCAP giocheranno due consiglieri nazionali svizzeri (Christian Wasserfallen e Laurent Favre) mentre parteciperanno al programma gli ambasciatori di Russia e di Ucraina a Berna, nonché due parlamentari ucraini in rappresentanza del Gruppo d’amicizia Ucraina-Svizzera.

Non intendiamo sostituirci ai governi, responsabili di negoziare le soluzioni pacifiche al conflitto in atto, ma dare un semplice segno sportivo e parlamentare di distensione, amicizia e sostegno al ruolo di mediazione della Svizzera e dell’OSCE.