Post Type
La 24a sessione annuale dell’Assemblea parlamentare dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (AP-OSCE) si è tenuta a Helsinki. La Delegazione parlamentare svizzera ha posto l’accento sul Codice di condotta relativo agli aspetti politico-militari della sicurezza. Ha inoltre preso parte alle celebrazioni per il 40° anniversario dell’atto di fondazione dell’OSCE.

L’Assemblea parlamentare dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (AP-OSCE) ha tenuto la sua 24a sessione annuale dal 5 al 9 luglio a Helsinki. Quasi 300 parlamentari degli Stati membri dell’OSCE si sono dati convegno in Finlandia per commemorare la firma, 40 anni or sono, dell’Atto di Helsinki, il documento costitutivo dell’OSCE.

In nome della Delegazione, la sua portavoce Ida Glanzmann-Hunkeler (PPD/LU) ha presentato una risoluzione concernente il Codice di condotta dell’OSCE relativo agli aspetti politico-militari della sicurezza. Attuato dalla Svizzera nel quadro dell’OSCE, questo codice di condotta disciplina le attività delle forze armate e di sicurezza con norme vincolanti. Con questa proposta di risoluzione la Delegazione svizzera intende sensibilizzare i suoi omologhi sulla necessità di mettere in atto e migliorare questo codice di condotta. La risoluzione della Svizzera è stata adottata dall’AP-OSCE all’unanimità.

L’Assemblea parlamentare si è inoltre pronunciata in seduta plenaria su un progetto di risoluzione presentato dal Canada per condannare le reiterate violazioni degli impegni internazionali da parte della Federazione Russa in Ucraina e altrove. Sotto la guida del suo presidente, il consigliere nazionale Andreas Aebi (UDC/BE), la Delegazione svizzera ha deplorato l’assenza a Helsinki della delegazione parlamentare russa a seguito del rifiuto da parte del Governo finlandese di accordare il visto ad alcuni suoi membri che figurano sulla lista delle sanzioni dell’Unione europea. I deputati svizzeri hanno invitato a risolvere i conflitti con il dialogo, che rappresenta un elemento qualificante dell’OSCE, e, in assenza di una delle due parti in conflitto, hanno ritenuto di doversi astenere su questa risoluzione.

Oltre al presidente Andreas Aebi e alla consigliera nazionale Ida Glanzmann-Hunkeler, la Delegazione svizzera era composta dei consiglieri agli Stati Filippo Lombardi (PPD/TI) e Christine Egerszegi-Obrist (PLR/AG), e dei consiglieri nazionali Hugues Hiltpold (PLR/GE) e Margret Kiener Nellen (PS/BE).

Berna, 10 luglio 2015 Servizi del Parlamento