Post Type

Il consigliere nazionale Alfred Heer diventa il nuovo presidente della Delegazione presso il Consiglio d’Europa

Nella sua prima seduta della nuova legislatura, la Delegazione svizzera presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) ha eletto alla sua presidenza per i prossimi due anni il consigliere nazionale Alfred Heer. Heer subentra alla consigliera nazionale Doris Fiala, presidente durante il biennio 2014-2015.

Dodici membri delle Camere federali rappresentano la Svizzera nell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa. Il 12 e 13 gennaio 2016 la Delegazione si è riunita a Zurigo per una seduta costitutiva e ha designato i membri della sua nuova presidenza. Il consigliere nazionale Alfred Heer (UDC/ZH), finora vicepresidente della Delegazione, ne assume la presidenza nei primi due anni della legislatura (2016-2017). Alla vicepresidenza è stato invece eletto il consigliere agli Stati Filippo Lombardi (PPD/TI) cui spetterà dunque la presidenza nel biennio 2018-2019.

In occasione della sua prima seduta con la nuova composizione, la Delegazione ha discusso con esperti di Strasburgo e Berna delle grandi sfide che il Consiglio d’Europa dovrà affrontare nonché della situazione della Corte europea dei diritti dell’uomo. La seduta è stata inoltre dedicata alla preparazione della prossima sessione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa che si terrà nel corso dell’ultima settimana di gennaio a Strasburgo.

Ultimamente i dibattiti a Strasburgo sono stati fortemente influenzati dal conflitto tra Russia e Ucraina, entrambi membri del Consiglio d’Europa. Un altro tema spinoso riguarda i flussi migratori e di conseguenza anche le politiche migratorie degli Stati membri.

L’APCE si compone di parlamentari nazionali dei 47 Paesi membri del Consiglio d‘Europa. L’Assemblea tiene ogni anno quattro sessioni di una settimana a Strasburgo. Nove commissioni permanenti dell’Assemblea elaborano durante le loro sedute i rapporti, le risoluzioni e le raccomandazioni che sottopongono poi all’esame e alla decisione dell’Assemblea plenaria.

La Svizzera è membro del Consiglio d’Europa, e quindi dell’APCE, dal 1963. I parlamentari svizzeri si sono sempre distinti a Strasburgo per il loro straordinario lavoro. Ne sono un esempio recente i rapporti di Dick Marty (prigioni segrete e trasporti illegali di detenuti operati dalla CIA; traffico di organi durante la guerra in Kosovo; liste nere dell’ONU e dell’UE) che, anche se risalgono a qualche anno fa, continuano a produrre effetti ancora oggi. Un’altra personalità di spicco, che ora ha lasciato l’APCE dopo 20 anni, è Andreas Gross. Autore di numerosi rapporti e analisi sui temi più svariati, ha partecipato a circa un centinaio di missioni di osservazione elettorale e, nel coso del suo mandato, ha presieduto diverse commissioni. In qualità di presidente del gruppo socialista dell’APCE è stato anche membro del comitato presidenziale dell’Assemblea per quattro anni.

Nella 50esima legislatura la Delegazione svizzera presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa è composta come segue (in ordine alfabetico):

  1. Roland Rino Büchel (UDC/SG), CN
  2. Raphael Comte (PLR/NE), presidente del Consiglio degli Stati
  3. Doris Fiala (PLR/ZH), CN
  4. Pierre-Alain Fridez (PS/JU), CN
  5. Hannes Germann (UDC/SH), CS
  6. Jean-Pierre Grin (UDC/VD), CN
  7. Alfred Heer (UDC/ZH), CN
  8. Filippo Lombardi (PPD/TI), CS
  9. Liliane Maury Pasquier (PS/GE), CS
  10. Thomas Müller (UDC/SG), CN
  11. Elisabeth Schneider-Schneiter (PPD/BL), CN
  12. Manuel Tornare (PS/GE), CN

La seduta della Delegazione presso il Consiglio d’Europa si è tenuta a Zurigo, comune di domicilio di Doris Fiala e di Alfred Heer, rispettivamente ex e nuovo presidente della Delegazione.

Il presidente del Governo del Cantone di Zurigo, Ernst Stocker, e la sindaca di Zurigo Corine Mauch si sono incontrati con la Delegazione e hanno espresso aspettative e riflessioni dal punto di vista cantonale e comunale nei confronti dell’impegno della Delegazione in seno al Consiglio d’Europa.

Berna, 14 gennaio 2016 Servizi del Parlamento